cucina-light-3179-1424345926 (1)

Le nostre nonne sarebbero inorridite all’idea di avere soggiorno e cucina in un unico ambiente. La cucina era il loro “laboratorio segreto”, che custodiva i trucchi delle loro ricette ma anche il disordine e gli odori che inevitabilmente accompagnano la preparazione delle pietanze. Il soggiorno, invece, era un ambiente formale e sempre impeccabile dove accogliere gli ospiti, il più delle volte chiuso da una porta che lo isolava dagli spazi più privati della casa come le camere da letto e, appunto, la cucina.
Oggi la tendenza è diametralmente opposta: le pareti si abbattono, le porte si aprono, i corridoi non esistono più e si preferiscono sempre di più le soluzioni open space, che uniscono in un unico spazio ambienti dalle funzioni diverse.
Il soggiorno con angolo cottura è quindi una soluzione sempre più diffusa, sia per una questione di gusto sia per rispondere ad esigenze di spazio, quando ad esempio si vuole ricavare una camera da letto o un bagno in più e si sceglie quindi di unire salotto e cucina. Qual è il modo migliore per arredare un soggiorno con angolo cottura? Ecco alcuni consigli utili.

I suggerimenti di base per arredare un soggiorno con angolo cottura

Il primo, e più scontato, è quello di scegliere un arredamento coordinato per la cucina e l’ambiente soggiorno. La scelta di stili diversi, infatti, non solo non contribuisce a delineare gli ambienti ma diventa anche un “pugno nell’occhio” per quanto riguarda il design.

Inoltre, meglio non ‘affollare’ troppo l’ambiente unico inserendo tanti elementi che daranno solo la sensazione di uno spazio ancora più piccolo. Infine, l’illuminazione è un elemento di importanza fondamentale in quanto la scelta delle lampade giuste permette di dare l’illusione di uno spazio più grande e contribuisce alla suddivisione delle diverse funzioni.

cucina-alea-3126-1423130472

Utilizzare pavimentazioni diverse

L’effetto cromatico dell’utilizzo di due diverse pavimentazioni può sicuramente aiutare a rendere una netta diversificazione fra l’ambiente cucina e quello soggiorno. Il gioco funziona, però, esclusivamente se i materiali sono molto diversi. Ad esempio, è possibile scegliere il parquet per il salotto e le mattonelle solo per il metro quadrato prospiciente il piano cottura e la linea degli elettrodomestici.

In questo modo si potrà coniugare la necessità di stile con quella pratica in quanto un pavimento in cotto, gres o porcellanato è sicuramente più indicato per una zona come quella riservata alla preparazione dei cibi che va lavata molto più spesso.

cucina-matrix-3125-1423127848

Giocare con i colori

Sfatiamo il mito che vuole l’utilizzo di una sola tonalità di colore per le pareti del soggiorno con l’angolo cottura! Le nuove tendenze del design, infatti, puntano molto sulla scelta di colori diversi – ma complementari – per i due ambienti diversi. Ci si può sbizzarrire, quindi, con colori e tonalità, magari da scegliere anche in base alle nuance degli arredi e degli accessori. Unica limitazione: cercare di scegliere sempre i colori più chiari perché quelli scuri tendono a rimpicciolire ancora di più gli ambienti.

tavolo-eileen-2348-1426496089

Utilizzare la penisola per delimitare gli ambienti

Una delle soluzioni più utilizzate da sempre per dividere idealmente l’angolo cottura dall’ambiente soggiorno è quello di utilizzare la penisola che, oltre ad essere una scelta logica, è anche una bella soluzione di design.

Con la penisola i due ambienti vengono nettamente separati ed è comoda perché rappresenta un piano di appoggio in più quando si cucina ma permette anche di evitare l’acquisto del tavolo che ruberebbe ancora più spazio al lato soggiorno. Inoltre, può essere completata con sgabelli di design – molto più adattabili rispetto alle comuni sedie – che danno anche un carattere deciso e di stile a tutto l’ambiente.

cucina-yara-1066-1390410933

I mobili a scomparsa

Non è detto che in un soggiorno con angola cottura la cucina debba necessariamente avere un’importanza preponderante. Se non ci sentiamo grandi chef e la cucina la utilizziamo solo per un piatto di pasta, un uovo al tegamino e il caffè allora la cucina a scomparsa può essere la soluzione che fa per noi!

In commercio, infatti, ormai ci sono mini cucine attrezzate di tutto il necessario che quando non sono utilizzate scompaiono dietro le ante del mobile nel quale sono contenute che esteriormente ha l’aspetto di un comune arredo da soggiorno. In questo modo la parte della cucina non risulterà invasiva e sarà evidente la netta distinzione fra i due ambienti.

alt4_cucina-convivium-1024-1389802334

Infine…

Un consiglio pratico: l’investimento maggiore deve essere fatto con l’acquisto di una cappa molto potente che impedisca agli odori della cucina di invadere anche la zona soggiorno. Questo piccolo accorgimento contribuirà sicuramente a rendere i due ambienti più vivibili.

7 Settembre 2015 Postato in: Come arredare, Tutti gli articoli Tag:,